It is with the words of Josko Gravner that we want to thank you all for making an evening of sharing and conviviality like yesterday’s. A big thank you to the winemakers: Josko Gravner, Angiolino Maule and Daniele Piccinin. When love for the earth meets simplicity.

“Thanks to the Alajmo brothers , to the entire Alajmo family, for this opportunity they have hastened. To them I have a sense of gratitude for everything they do for cuisine and for the world of wine, and so for our well-being.

I would like to thank Laura and Mike, because it seems to me that they have done a very good job because it is simple, therefore, in line with the subject, sending a precise message: that you can make good wines while respecting the terroir and intervening as little as possible in the cellar.As for wine, sometimes I feel like a swimmer in the river Isonzo swimming to the source. It’s the best thing you can do. The problem is that there are many other producers in this world who, like large canoes, go straight to the sea. That’s why it’s not easy to go upstream. But my advice is to keep fighting, maybe even complicating life, to be able to do simple things.

 


È con le parole di Josko Gravner che vogliamo ringraziarvi tutti per aver reso possibile una serata di condivisione e convivialità come quella di ieri. Un grazie ai produttori protagonisti: Josko Gravner, Angiolino Maule e Daniele Piccinin. Quando l’amore per la terra incontra la semplicità.

“Grazie ai fratelli Alajmo, a tutta la famiglia Alajmo, per quest’occasione che hanno propiziato. Verso di loro nutro un senso di gratitudine per tutto quello che fanno per la cucina e per il mondo del vino, quindi per il nostro benessere.

Vorrei ringraziare Laura e Mike, perché mi sembra che abbiano fatto un lavoro molto bello perché semplice quindi in linea con il tema trattato, mandando un messaggio preciso: che si possono fare buoni vini rispettando il territorio ed intervenendo il meno possibile in cantina.

Per quanto riguarda il vino, a volte mi sento un nuotatore nel fiume Isonzo che nuota verso la sorgente. È la cosa più bella che si possa fare. Il problema è che in questo mondo si trovano tanti altri produttori che, come grandi canoe, vanno dritti verso il mare. Per questo andare controcorrente non è facile. Ma il mio consiglio è di continuare a lottare, magari anche complicandosi la vita, per riuscire a fare le cose semplici.

Blog

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *